Tessera

Archivio storico

archivio news

COME UN QUADRO DI VAN GOGH

Lunedì 30 ottobre ore 11:00

tramontoLa meraviglia della natura contro le brutture dell’uomo.

Quanta meraviglia, ma anche quante “stravaganze”, passatemi il termine, sono state dette/scritte per illustrare quello che domenica su alcune regioni del nord Italia, segnatamente Lombardia e Piemonte, è stato uno dei più suggestivi tramonti dell’anno. Un cielo rosso fuoco, quasi una eco in risposta a quel rosso drammatico che veniva dal suolo, dai boschi devastati dagli incendi che in questi giorni stanno mettendo in ginocchio proprio quelle regioni, all’apice di una siccità senza fine.

Qualcuno ci ha visto la fine del mondo, qualcun altro aria di terremoto, poi ancora: esperimenti chimici, inquinamento, apocalissi varie, il tutto in un’atmosfera “retrò” ante Medioevo, che va al di là dei più genuini detti popolari. Almeno, dopo il rosso di sera, arriva davvero il bel tempo e infatti oggi si conferma il sole, se per bel tempo si deve per forza intendere una ulteriore preoccupante prosecuzione della siccità.

Ma insomma, perchè quelle nuvole? Perchè quel colore?

Nubi orografiche, fenomeno noto, studiato, simulato matematicamente, insomma non certo un mistero. Nubi orografiche, altostrati, cirrostrati, altocumuli, inserite anche nel Sistema di Classificazione dell’Organizzazione Meteorologica Mondiale.

Si formano quando una massa d’aria stabile e poco densa che scorre ad alta quota scavalca una catena montuosa, in questo caso le Alpi, ondulando come una corda pizzicata. L’umidità in quota che sale verso la cresta dell’onda subisce brinamento e diventa quindi visibile, come una pennellata di ghiaccio in seno alle creste dell’onda modellate proprio dalle montagne. Poi si dissolve per sublimazionequando scende per poi tornare di nuovo visibile in salita e così via. Se il vento in quota è forte, proprio come ieri, queste onde si propagano per centinaia di chilometri, rimanendo però con le loro forme curiose quasi ferme nel cielo, ferme, come le montagne che hanno innescato l’ondulazione. E’ infatti il vento che le attraversa a distendere e a stirare i cristalli di ghiaccio creando quell’effetto “a lente” che ne conferisce la particolare bellezza.

E quel rosso?

E’ un fenomeno che avviene subito dopo il tramonto (o poco prima dell’alba), quando noi siamo in ombra ma le nubi poste ad alta quota sono ancora illuminate dagli ultimi raggi di sole. Questi ultimi appaiono rossi in direzione delle nuvole perché devono attraversare grandi porzioni di atmosfera, quindi di umidità e pulviscolo, perdendo così alcune frequenze della luce visibile. In particolare la luce ad onda più corta blu-violetta, intercettando il pulviscolo atmosferico, si comporta come una piccola onda del mare che viene bloccata da una scogliera diventando quasi invisibile (fenomeno della diffrazione). Le lunghezze d’onda più grandi invece, quelle del giallo e del rosso, si comportano come grandi onde del mare che riescono a superare la nostra scogliera. E’ per questo che rimangono visibili quando i raggi del sole sono molto bassi (alba e tramonto) rendendo crepuscoli e aurore momenti di pura suggestione.

Autore: Luca Angelini (Meteobook)

2011156
Copyright 2017 Meteocilento - Riproduzione Riservata

Articoli popolari

Articoli recenti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per assicurarti la migliore esperienza di navigazione e per mostrarti messaggi pubblicitari personalizzati.
Per informazioni dettagliate sulla tipologia ed impiego dei cookie in questo sito web ti invito a cliccare sul tasto "Approfondisci".
Se si prosegue alla navigazione su questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.